9° Sondaggio Inutile

La via per la serenità è lastricata di conoscenza o di ignoranza ?

(Sottotitolo: sei sicura che “conoscenza” si scriva senza i ? Si, ho usato il correttore automatico di Word)

Ovvero, per essere, non dico felici che mi pare un’altra faccenda, ma sereni, è meglio conoscere, conoscersi, o è meglio ignorarsi un pò ? Perchè “ovunque il guardo io volga” ci sono proposte di percorsi di interiorizzazione, di conoscenza di sè, che come fari nella notte dovrebbero guidare verso… verso qualcosa di bello, ma io invece ho la sensazione che porre troppo l’accento su se stessi possa amplificare il normale disagio di vivere… e la domanda sorge spontanea: ma non c’hai un cazzo da fare ?

Annunci