Cecitá 

La costante e anacronistica sensazione di essere destinati a qualcosa di speciale, senza mai capire cosa. La mancanza di umiltà necessaria per riconoscere il bene ed iniziare da quello, senza puntare al meglio. L’immobilità dei giorni, delle azioni, dei pensieri che si accartocciano su se stessi producendo considerazioni pressoché inutili. Schiuma. La consapevolezza che per quanto le persone, le situazioni, gli avvenimenti possano essere stati sfavorevoli, è tua e solo tua la responsabilità di come te la sei giocata. E ti osservi da fuori, incapace di esprimere questi pensieri, accumulando rabbia e dispiacere che ti si attaccano addosso come catrame, ti si infilano dentro ad annodare la carne, a strizzarla dolorosamente quasi nella speranza di spremerti qualcosa di meglio, ottenendo l’opposto. Mi piacerebbe ci fosse un segreto da scoprire, ma forse il segreto è proprio che non esistono segreti. Forse il sole, il filo d’erba, il silenzio, gli abbracci sinceri, il fiore umido al mattino, il passo che ti sposta, le parole utili ed anche qualcuna superflua, i buoni libri, il respiro, i sentimenti, i sogni, i colori, la gentilezza, sono le frecce al nostro arco, i mattoni con cui costruire la nostra vita, senza desideri di gloria e senza sensi di colpa. Forse la magia è un’azione: togliere. Forse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...