Ufficio complicazioni cose semplici

E la fine è anche un nuovo inizio.

E le difficoltà ti fortificano.

E gli errori ti insegnano.

Ed il dolore ti permette di apprezzare meglio la gioia.

E il male torna a chi lo ha fatto.

E la paura è sana.

E lo stress è fonte di creatività.

E se non è stato è perché non doveva essere.

E se sorridi alla vita, la vita ti sorride.

E la solitudine è libertà.

E la libertà è solitudine.

E seppur mi venga da pensare che ci sia un po’ di verità, sono affermazioni come queste che alla lunga, e nemmeno tanto, mi fan venire a noia le parole, questi strumenti meravigliosi. Perché non assomigliano alla vita, sono assiomi, richiedono fede, o almeno fiducia.

A me piacciono le parole vere, quelle fini a se stesse, quelle monosignificato, che sono state un pensiero prima e alle volte diventano addirittura un’azione dopo, quelle che magari non rivelano magicamente, ma spiegano, accompagnano, accarezzano. Quelle che assomigliano a mani… che sono una parte del corpo molto sincera.

I discorsi, come le ricette, dovrebbero avere pochi ingredienti…freschi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...