Ausmerzen – “Sradicare”

Marco Paolini. Di nuovo. 5 Minuti ci ho messo per raccogliere qualche informazione sul suo lavoro, 2 anni ci ha messo lui a prepararlo. Perchè proporre una coscienza è un lavoraccio. Più facile sarebbe se tutto fosse bianco o nero, giusto o sbagliato. Più facile sarebbe scivolare sopra la storia seguendo la corrente di odio e contro-odio e giudicare, implicitamente. Devo continuamente ringraziare Marco Paolini per la sua assenza di pigrizia, per questo suo costante masticare storie in favore di tutti, per la sua coscienza sociale, che è il termine che mi sono inventata adesso per definire quella cosa che ti fa interessare alla società, ai tuoi simili, a dove tutti andiamo e da dove tutti veniamo. Io non ce l’ho, sono pigra, e ogni volta che Paolini si smazza il lavoro e me lo sbatte in faccia, mi vergogno anche un pò. Però poi ci si abitua a tutto.  Ausmerzen. Non ci ho dormito. E non sono nemmeno vagamente vicina a concepire cosa sia stato. Ne sono certa. Mi fa paura pensare che persone come me, influenzabili e poco disposte a porsi domande, siano soggetti “privilegiati” per essere irretiti, orientati, “educati” alle idee di qualcun’altro. Perchè le idee, come dice Paolini, hanno bisogno di gambe, e se le trovano… E se le trovano ? Penso all’importanza del costante confronto, e più ancora del perpetuo imparare.  Mi permetto di considerare Ausmerzen una metafora, sono imbarazzante, ma mi permetto. Voglio una vera memoria.

Annunci

Un pensiero su “Ausmerzen – “Sradicare”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...